Il 5 per mille 2011

5-per-milla-2011
Anche per il 2011 la legge ha confermato lo strumento del 5 per mille a sostegno del terzo settore.
Il DDL di Stabilità (ex legge finanziaria) del 13 dicembre 2010, pur confermando la possibilità per il contribuente di devolvere una parte dell

a propria IRPEF a finalità di utilità sociale, ha ridotto a un quarto il tetto massimo di spesa, fissandolo a 100 milioni di euro (rispetto ai 400 milioni dell’anno fiscale precedente).

Il decreto mille proroghe del 29 dicembre 2010 ha riportato il tetto a 400 milioni di euro.
Per quest’anno  sono state confermate le finalità previste per il 2010. Nell’apposito spazio all’interno dei modelli fiscali è possibile scegliere di destinare il proprio cinque per mille a sostegno:

  1. del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità so­ciale (ONLUS); delle associazioni di promozione sociale (APS) iscritte nei registri na­zionale, regionali e provinciali; delle associazioni e fondazioni riconosciute che operano nei seguenti settori: assistenza sociale e socio-sanitaria, assistenza sanitaria, beneficenza, istru­zione, formazione, sport dilettantistico, tutela, promozione e valorizzazione delle cose d’inte­resse artistico e storico, tutela e valorizzazione della natura e dell’ambiente, promozione della cultura e dell’arte, tutela dei diritti civili, ricerca scientifica di particolare interesse sociale;
  2. finanziamento della ricerca scientifica e dell’università;
  3. finanziamento della ricerca sanitaria;
  4. sostegno delle attività sociali svolte dal Comune di residenza del contri­buente;
  5. sostegno alle associazioni sportive dilettantistiche riconosciute ai fini spor­tivi dal CONI a norma di legge e che svolgono una rilevante attività di interesse sociale, vale a dire che:
    1. siano affiliate ad una Federazione sportiva nazionale o ad una Disci­plina sportiva asso­ciata o ad un Ente di promozione sportiva ricono­sciuti dal CONI;
    2. abbiano nella propria organizzazione il settore giovanile;
    3. svolgano prevalentemente attività di avviamento e formazione allo sport dei giovani di età inferiore a 18 anni, ovvero di avviamento alla pratica sportiva in favore di persone di età non inferiore a 60 anni, o nei confronti di soggetti svantaggiati in ragione delle condi­zioni fisiche, psichiche, economiche, sociali o familiari.

Destinare il proprio 5 per mille è molto semplice: basta compilare la sezione relativa del CUD, 730 e Unico Persone fisiche, apponendo la firma all’interno della destinazione prescelta  e indicando il codice fiscale dell’ente. Nel caso in cui non venga indicato il codice fiscale, il contributo verrà ripartito tra gli aventi diritto appartenenti al gruppo di destinazione prescelto.

Appronfimento: Le parti in causa Il terzo settore e l’agenzia delle entrate

DEVI FARE LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI

SCARICA E STAMPA I FAC SIMILE DEI MODELLI FISCALI 2016

CONVIDERE