I nuovi destinatari del cinque per mille

Il cinqueper mille è stato per la prima volta previsto nel 2006 e viene prorogato ogni anno. La legge di stabilità 2012 ha confermato anche per quest’anno la possibilità al contribuente di devolvere il proprio 5 per mille a diverse categorie beneficiarie.
Le categorie tra cui scegliere sono le stesse dell’anno scorso:

  • Enti e associazioni di volontariato;
  • Associazioni sportive dilettantistiche;
  • Enti della ricerca scientifica e dell’università (gestiti dal Ministero dell’Istruzione);
  • Enti della ricerca sanitaria (gestiti dal Ministero della Salute);
  • Attività sociali svolte dal Comune di residenza.

Ma da quest’anno c’è un nuovo destinatario, il contribuente potrà, infatti,  decidere di dare il 5 per mille alla cultura, alle attività di tutela, promozione e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici. Il finanziamento, in questo caso, va interamente al Ministero dei Beni Culturali che provvederà a ripartirlo agli enti competenti.
Questo nuovo destinatario è stato previsto dalla “Manovra correttiva di luglio 2011” (legge n.111/2011), precisamente nell’articolo 46 si precisa che: “ A decorrere dall’anno finanziario 2012, tra le finalità alle quali può essere destinata, a scelta del contribuente, una quota pari al cinque per mille dell’imposta sul reddito delle persone fisiche è inserita, altresì, quella del finanziamento delle attività di tutela, promozione e valorizzazione dei beni  culturali e paesaggistici”.
Diversa è però la procedura per la destinazione del 5 per mille al settore cultura, rispetto alle altre categorie. Il contribuente quando fa la denuncia dei redditi deve firmare nell’apposito riquadro dedicato al 5 per mille e inserire il codice fiscale dell’ente scelto, nel caso delle attività culturali, però, la scelta sarà indirizzata in totalità al Ministero dei beni culturali che provvederà successivamente con decreto a stabilire quali siano gli enti a beneficiare della destinazione del cinque per mille.
Tutti i destinatari beneficiari del 5 per mille dovranno essere iscritti negli appositi elenchi di categoria, consultabili, in forma provvisoria, dal 14 maggio sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

CONVIDERE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *