La sospensione dell’IMU fa slittare il 730 al 10 giugno

Arriva la proroga per la consegna del modello730 al Caf, commercialisti o professionisti abilitati. La nuova scadenza è prevista per il 10 giugno 2013.

Alla firma del Ministero dell’Economia e delle Finanze c’è un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, in cui si definisce lo slittamento della consegna del modello730 (che era in scadenza al 31 maggio 2013)  al 10 giugno 2013, a causa della sospensione dell’IMU.

Se già una proroga c’era stata, per la consegna della dichiarazione dei redditi al sostituto d’imposta al 16 maggio 2016, ora lo slittamento potrebbe riguardare anche la consegna del modello al Caf, al patronato o presso il commercialista o un professionista abilitato. La motivazione di questa decisione risiede nel blocco del pagamento della prima rata dell’IMU, stabilito dal governo Letta (con il Dl 54/2013), in attesa di una riforma dell’imposta da definire entro il 31 agosto 2013. La sospensione del pagamento dell’acconto IMU per le abitazioni principali, i terreni agricoli e gli immobili rurali ha provocato, infatti, la necessità per ben centomila contribuenti di rifare o integrare il modello 730. In molti avevano presentato in anticipo il modello 730, compensando i crediti IRPEF con i debiti IMU, di conseguenza sono state causate notevoli problematiche anche per i CAF, che ne curavano la procedura. Sono proprio i CAF che hanno lanciato l’allarme chiedendo al governo una proroga per la consegna del 730.

Per chi ha già presentato la propria dichiarazione dei redditi al sostituto d’imposta e ha deciso di compensare il credito Irpef con l’IMU potrebbe dover ripresentare un modello integrativo a ottobre, ma per maggiori informazioni bisogna comunque attendere le decisioni definitive del Governo in merito all’IMU.

Allo studio dei tecnici del Ministero dell’Economia c’è anche la richiesta di proroga per la consegna del modello Unico 2013 a causa della mancata disponibilità della versione definitiva del software 2013 per il calcolo e la compilazione degli studi di settore.

CONVIDERE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *