Le nuove detrazioni del modello 730 precompilato 2016

Quali sono le nuove detrazioni del modello 730 precompilato 2016?

detrazioni modello 730 precompilatoMoltissime sono le novità che riguardano il modello 730 precompilato 2016. Le nuove detrazioni si riferiscono ad altre spese, oltre quelle sanitarie, come l’istruzione scolastica e la ristrutturazione della propria casa, le spese funebri. Vediamo più dettagliatamente di cosa si tratta.

Detrazione delle spese per l’istruzione scolastica

L’istruzione, propria o dei figli, è una voce che pesa molto sulla situazione economica di un nucleo famigliare. Le tasse universitarie dipendono dal proprio reddito famigliare. Infatti ad inizio anno scolastico va dichiarato l’ISEE, su cui l’ateneo si basa per stabilire la cifra della tassa da pagare per l’anno scolastico che sta per iniziare.

Proprio per questo motivo tutte le università, pubbliche o private, sono in grado di comunicare all’Agenzia delle Entrate la somma precisa delle spese di tutti gli studenti iscritti. Queste informazioni servono al Fisco per completare tutti i campi del modello 730 precompilato. Le detrazioni non riguardano solo i costi dell’iscrizione ma anche eventuali corsi di specializzazione, master e dottorati di ricerca, sempre legati al percorso universitario seguito.

Detrazione delle spese funebri

Chi emette fatture per questo tipo di spese è obbligato a comunicare all’Agenzia delle Entrate tutti i dati è affidato a chi emette le fatture di queste spese. Questi dati vanno comunicati entro il 28 febbraio e devono riguardare tutte le spese sostenute per onoranze funebri nell’anno precedente. Con più precisione bisogna dichiarare i dati che riguardo il defunto e del possessore del documento fiscale. In questo caso la detrazione è del 19% e la troveremo già calcolata nel 730 precompilato dal Fisco.

Detrazione delle spese di ristrutturazione

Negli ultimi anni si è prestata sempre più attenzione alla ristrutturazione delle abitazioni, per aumentarne il livello energetico ed ottenere un notevole risparmio economico nel tempo. Infatti tutte le spese sostenute per il miglioramento energetico di un’abitazione possono essere ammortizzate negli anni successivi.

Per incentivare e sensibilizzare le persone alla riqualificazione energetica lo Stato ha messo a disposizione dei bonus che riguardano l’edilizia: 50 % per le ristrutturazioni e 65% per la riqualificazione energetica. La comunicazione con il Fisco questa volta avviene da parte di Banche e Posta, che hanno traccia di tutti i pagamenti, i dati di chi ha effettuato il pagamento e di chi lo ha ricevuto.

Detrazione delle spese sanitarie

Le spese sanitarie non sono una vera novità per quanto riguarda le detrazioni, ma anche qui qualcosa cambia. Nel modello 730 precompilato 2016 saranno inserite solamente le spese che riguardo i farmaci comprati dietro presentazione di ricetta medica. Molti dei farmaci quindi non li troveremo del 730 precompilato e saremo noi contribuenti a inserirli manualmente, come gli anni scorsi.

Ovviamente la modifica manuale del modello 730 precompilato comporta la perdita del beneficio per cui il 730 precompilato è esente da controlli fiscali. Sta ai contribuenti scegliere se perdere questo beneficio pur di inserire anche i farmaci da banco oltre alle spese che riguardano le visite ospedaliere, i ricoveri e i farmaci con ricetta medica.

Per le altre detrazioni già presenti nel modello 730 degli anni scorsi, come detrazioni su mutui, contributi previdenziali ed assistenziali, non sono avvenuti cambiamenti.

DEVI FARE LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI?

SCARICA E STAMPA I FAC SIMILE DEI MODELLI FISCALI 2016

CONVIDERE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *