I modelli e le novità per la dichiarazione IRAP 2016

La dichiarazione IRAP 2016

L’Imposta Regionale sulle Attività Produttive 2016, relativa all’anno 2015, presenta alcune novità. Le principali riguardano le agevolazioni fiscali come i costi relativi al personale dipendente assunto a tempo indeterminato, i crediti di imposta per le imprese senza dipendenti ed il Patent box, ovvero il regime di tassazione per i redditi derivanti dall’impiego di beni immateriali.

Il costo del personale dipendente

Mentre negli anni scorsi il costo per i lavoratori dipendenti era considerato integralmente deducibile solo in caso di apprendisti o condizioni particolari, quest’anno potranno essere interamente dedotte tutte le spese relative al personale dipendente se è stato assunto a tempo indeterminato.

Questo è quanto previsto dalla Legge di Stabilità 2016, con la quale si rende possibile detrarre tutti gli importi versati ad enti pensionistici ed assicurativi per i lavoratori assunti a tempo indeterminato, anziché usufruire solo di una deduzione forfettaria come avveniva negli anni precedenti. Inoltre è prevista una deduzione del 70% delle spese sostenute per il personale assunto con contratto di lavoro stagionale.

Sempre a partire da quest’anno poi potranno beneficiare di uno speciale credito di imposta pari al 10% dell’imposta lorda derivante dalla dichiarazione, tutte quelle imprese che, nel corso dell’anno 2015, non hanno avuto in essere nessun rapporto di lavoro dipendente.

Il credito di imposta è stato studiato per portare aiuto anche alle imprese di piccole dimensioni, che non beneficiano della precedente agevolazione. Il credito così ottenuto potrà essere però utilizzato esclusivamente a compensazione di altre imposte, è esclusa perciò la possibilità di ottenere un rimborso derivante da questa agevolazione.

La patent box

Per coloro che sono titolari di impresa e che nell’anno 2015 hanno conseguito redditi esclusivamente attraverso l’utilizzo di beni immateriali.

Hanno diritto a questa speciale formula di tassazione agevolata coloro che risultano titolari di reddito derivante da utilizzo di opere dell’ingegno, brevetti industriali, marchi di impresa, modelli e disegni, formule ed informazioni riguardanti tutte le esperienze acquisite nei settori scientifico, commerciale ed industriale.

Grazie all’esclusione del 50% del loro ammontare, questi redditi non concorrono alla formazione del reddito complessivo. Già nel 2015 le aziende, società ed enti commerciali che svolgevano attività di ricerca e sviluppo potevano beneficiare dell’esclusione dalla base imponibile delle imposte sui redditi e dell’IRAP, di una quota pari al 30% del reddito derivante da tale attività.

L’opzione per il Patent box deve essere esercitata nella dichiarazione dei redditi riguardante il primo periodo di imposta interessato, ed ha validità per cinque anni. Può essere rinnovata alla scadenza ed è irrevocabile.

Il modello IRAP 2016

modelllo irap 2016Nel sito dell’Agenzia delle Entrate è reperibile il modello IRAP 2016. Si compone di più elementi, in base alla tipologia di azienda interessata alla compilazione. La parte relativa al frontespizio è comune per tutti i settori. Vi sono poi il quadro IQ che interessa le persone fisiche, il quadro IP per le società di persone ed il quadro IC per le società di capitali.

Gli enti non commerciali dovranno invece compilare il quadro IE, mentre il quadro IK interessa esclusivamente amministrazioni ed enti pubblici. Il quadro IR consente la determinazione della base imponibile, dell’imposta dovuta e l’inserimento degli estremi di pagamento.

Il quadro IS deve essere utilizzato per riportare eventuali deduzioni, detrazioni e crediti di imposta, errori contabili ed operazioni straordinarie. Il modello IRAP 2016 deve essere trasmesso all’Agenzia delle Entrate esclusivamente per via telematica.

L’eventuale invio in forma cartacea postale è considerato nullo. La dichiarazione si considera presentata nel giorno in cui si conclude la ricezione dei dati da parte dell’Agenzia. Al momento dell’invio viene fornito un messaggio che attesta l’invio del file e solo successivamente viene inviata una comunicazione attestante l’esito dell’elaborazione effettuata sui dati forniti dall’utente.

Questa nuova comunicazione costituisce ricevuta di avvenuta presentazione. Il termine di scadenza di presentazione del modello IRAP per il 30 settembre dell’anno successivo a quello di chiusura del periodo di imposta.

CONVIDERE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *