Scadenze e istruzioni 5 per mille 2019

Scadenze e istruzioni 5 per mille 2019

Fra i provvedimenti legali che nel corso degli anni hanno suscitato maggiore scalpore è impossibile non citare il 5 per mille: questo contributo volontario corrisponde infatti ai 5/1000 del valore derivante dalla propria dichiarazione dei redditi, e può essere diretto verso un ente iscritto ad un apposito registro. In linea di principio, le associazioni verso cui questa erogazione liberale può essere direzionata sono le ONLUS, tutte le organizzazioni no profit, i centri di ricerca, sia in ambito universitario che medico, le associazioni sportive di stampo dilettantistico, quelle volte alla protezione del territorio ed alla diffusione dell’arte e della cultura in tutta Italia. Secondo lo Stato Italiano, grazie a questo provvedimento di legge, è possibile, sia per un singolo cittadino contribuente che per una realtà più ampia, come potrebbe essere un’azienda o un’Istituzione, fornire un sussidio a uno di questi enti, nell’ottica di contribuire ad un suo sviluppo sia nell’immediato che in futuro, offrendo una somma che può dare un ulteriore stimolo a chi riceve questo sussidio. In questa breve guida verranno affrontate due tematiche fondamentali per quanto concerne il 5  per mille, ossia le istruzioni necessarie per poter compilare in modo ideale il modulo relativo a questa erogazione liberale e le scadenze che occorre rispettare per non incorrere in problemi di alcun tipo.

Istruzioni generali per quanto riguarda il 5 per mille

Consideriamo i due lati della stessa moneta: prima quali sono le scadenze cui deve adempiere un ente per poter rientrare, eventualmente, nel registro delle associazioni che possono beneficiare del 5 per mille, ed in seconda istanza quali sono i tempi da rispettare, per quanto concerne il cittadino o la società che intende effettuare questa donazione. Innanzitutto, per evitare di incorrere in problemi di natura burocratica, principalmente per quanto concerne l’intasamento degli uffici statali che si occupano di questa mansione, tutti coloro che sono già iscritti al registro contenente tutti i potenziali beneficiari del 5 per mille a partire da fine Marzo 2010 non necessitano di iscriversi nuovamente; questo provvedimento è stato preso dallo Stato Italiano nell’ottica di snellire le pratiche legali in merito a questo sussidio, motivo per cui, a meno di un decadimento delle condizioni per cui un ente può ricevere questa erogazione liberale o dello scioglimento dello stesso, resterà all’interno di questo elenco fino a quando non si verificherà una di queste due condizioni.

Se si considera, inoltre, la promulgazione delle ultime leggi che definiscono in modo ulteriormente più scrupoloso quali sono le associazioni che possono presentare la domanda per entrare a far parte dell’elenco riconosciuto dallo Stato Italiano, in seguito ad un’attenta analisi dell’Agenzia delle Entrate, bisogna consegnare la domanda di iscrizione entro il tempo limite stabilito da questo ente statale, generalmente fine Marzo dell’anno attualmente in corso. Se si cerca in rete, oppure ci si informa presso gli uffici dedicati a questa specifica mansione, sarà possibile ricevere i moduli da compilare e tutte le delucidazioni del caso, di modo che sia possibile presentare la domanda nel modo migliore. Entro un paio di mesi vengono resi noti gli esiti delle pratiche che sono state inoltrate allo Stato Italiano, dunque viene redatto l’elenco delle associazioni cui poter effettuare la donazione. Per ottenere i moduli necessari a completare questo processo, è possibile scaricare dei form precompilati presenti in rete, che possono essere trovati sul sito dell’Agenzia delle Entrate, oppure presso gli uffici comunali della propria città. In entrambi i casi, come è facile intuire, bisognerà riempire ogni campo con le informazioni corrette ed allegare la documentazione correlata alla richiesta presa in esame, sia in caso si intenda voler beneficiare del 5 per mille che laddove si intenda effettuare una donazione.

Scadenze per quanto riguarda il 5 per mille

Sebbene alcune date siano state introdotte, in linea di massima, all’interno del precedente paragrafo, è vivamente consigliato di non rivolgersi all’ultimo momento presso gli esperti che dovranno incaricarsi di fornirvi tutte le informazioni del caso, che siate enti o contribuenti. Per quanto concerne coloro che possono beneficiare del 5 per mille, la scadenza prevista per la presentazione della domanda è stata, nel corso degli ultimi dieci anni, sempre verso la fine di Marzo, ma per poterlo fare è necessario essere in regola con tutti i moduli ed i pagamenti relativi a quest’adempimento di natura economica e sociale, altrimenti non si può fare richiesta di iscrizione. In generale, dal momento in cui si presenta la domanda, è disponibile una finestra di tempo, pari ad un massimo di due settimane, per poter inoltrare gli appositi moduli per effettuare delle correzioni, sotto ogni aspetto; lo stesso procedimento viene applicato e ritenuto valido nel momento in cui anche le stesse istituzioni potenzialmente beneficiarie necessitano di inviare nuovamente la propria documentazione, in virtù di un errore di qualunque genere.

Possiamo dunque riassumere in tal modo le scadenze concernenti il 5 per mille:

  • 31 Marzo: scadenza per verificare di essere già beneficiario del cinque per mille secondo l’Agenzia delle Entrate;
  • 30 Aprile: scadenza per indicare il beneficiario del cinque per mille ad un proprio superiore;
  • 7 Maggio: scadenza per inoltrare il modulo telematico come beneficiario del cinque per mille o per richiedere di annullare la propria richiesta all’Agenzia delle Entrate;
  • 21 Maggio: scadenza per effettuare correzioni sul modulo telematico inviato all’Agenzia delle Entrate;
  • 25 Maggio: sul sito dell’Agenzia delle Entrate viene rilasciato l’elenco completo di tutti i potenziali beneficiari del cinque per mille;
  • 31 Maggio: scadenza per indicare il beneficiario del cinque per mille presso un Centro di Assistenza Fiscale.

 

DEVI FARE LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI?

SCARICA E STAMPA I FAC SIMILE DEI MODELLI FISCALI 2019

Modello 730

Certificazione unica

Persone Fisiche

CONVIDERE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *