5 per mille: come si effettua la domanda nel 2011

Il Decreto Legge n.225 del 29 dicembre 2010 ha prorogato lo strumento del cinque per mille anche per l’anno fiscale in corso (dichiarazione dei redditi 2010).
Le modalità sono le stesse del 2010 e il tetto massimo di spesa è stato fissato a 400 milioni di euro (100 dei quali destinati a enti o associazioni per la cura della SLA).

ONLUS,  APS, altre fondazioni e associazioni riconosciute partecipano al riparto del 5 per mille dell’imposta di reddito, qualora risultano iscritte in un apposito elenco dell’Agenzia delle En­trate (approfondimento). Per iscriversi a questo elenco è opportuno presentare un’autodichiarazione di possesso dei requisiti necessari  in via telematica direttamente o attraverso commercialisti o esperti contabili entro il 7 maggio 2011.
L’elenco degli enti o associazione ammesse sarà pubblicato sul sito Internet dell’Agenzia delle Entrate.
Entro il 30 giugno 2011 coloro che sono stati ammessi dovranno spedire una raccomandata con ricevuta di ritorno alla Direzione Regionale dell’Agenzia delle Entrate, contenente la fotocopia del documento di identità di chi sottoscrive la domanda e una dichiarazione sostitutiva di atto notorio che certifichi la presenza dei requisiti necessari.
Coloro che rientrano negli elenchi definitivi potranno godere delle quote di 5 per 1000 dell’Imposta sul reddito 2010 dei contribuenti che hanno indicato il loro codice fiscale. Non solo: gli enti beneficeranno anche delle quote in proporzione al numero totale delle destinazioni dei contribuenti che non hanno indicato un soggetto specifico ma solo la finalità all’interno della quale detti beneficiari sono inseriti.
Vengono esclusi dalla destinazione delle quote gli enti o associazioni che hanno cessato la loro attività al momento della ripartizione o che hanno diritto ad un importo inferiore a 12 euro.

CONVIDERE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *