Donazione del 5 per 1000 ad associazioni ONLUS

Destinare la propria quota del 5 per mille nella dichiarazione dei redditi alle associazioni ONLUS (ovvero alle organizzazioni non lucrative riconosciute) non costa nulla ai contribuenti, ma è di grande supporto per le associazioni di volontariato, il cui operato ha fini sociali o assistenziali. Si tratta di un’operazione molto semplice e veloce con la quale si aiuta un’organizzazione che opera nel sociale a continuare il proprio lavoro e costituisce anche un atto di fiducia nei confronti della società, perché in questo modo si dimostra di condividerne i valori e le azioni.

Ogni contribuente può scegliere a quale ente destinare il 5 per mille della sua imposta sul reddito delle persone fisiche (il cosiddetto Irpef), con una semplice firma in uno dei cinque spazi appositi che compaiono sui diversi tipi di modello di dichiarazione (per esempio, il Modello Unico PF, il Modello 730 oppure il modello che si trova allegato al CUD per i contribuenti che, secondo le disposizioni legislative vigenti, non sono tenuti a presentare la dichiarazione).

Come scegliere la destinazione del 5 per mille?

È possibile scegliere solamente una destinazione per il 5 per mille. Il contribuente, oltre ad apporre la firma sul modulo, deve anche indicare il codice fiscale della società alla quale intende donare la quota del 5 per mille. Le informazioni relative alle diverse associazioni ONLUS a cui è possibile destinare questa quota sono consultabili negli elenchi pubblici che annualmente vengono pubblicati nella Gazzetta Ufficiale o nel sito dell’Agenzia delle Entrate, in cui sono presenti le organizzazioni, diffuse in tutto il territorio italiano, che possono beneficiare del 5 per mille, perché è stato riconosciuto loro il diritto, mediante l’apposita prassi. In queste liste si possono trovare i codici fiscali dei soggetti ammessi al beneficio.

Elenchi 5 per mille

L’elenco riconosciuto ONLUS 2015 è disponibile e può essere visualizzato nel sito dell’Agenzia delle Entrate, Sul sito, al link indicato, si possono trovare facilmente, oltre alle normative, anche tutti i moduli necessari per fare la propria donazione e le istruzioni da seguire affinché l’operazione vada a buon fine. Inoltre, nel sito vengono spiegate anche le procedure che gli enti del volontariato devono seguire per essere ammesse nell’elenco ONLUS 5 per mille (scadenza per la domanda, quale modello utilizzare, etc.).

Si tratta di associazioni che operano in tutti i Paesi del mondo, in particolar modo nei Paesi che presentano i maggiori problemi. Il lavoro delle associazioni è quello di aiutare e sostenere le popolazioni bisognose, aiutarle a ricostruire il territorio, spesso devastato dalle guerre, con case e scuole. Nell’elenco fondazioni ONLUS dell’anno finanziario 2015 ci sono molte associazioni che operano anche nel nostro Paese e che si occupano di offrire un sostegno ai bambini, alle persone disabili, agli anziani e, in generale, a tutte le fasce della popolazione che necessitano di un aiuto. Altre ancora invece svolgono attività all’interno degli ospedali, per dare conforto ai pazienti o aiutare a migliorare i servizi offerti dalla sanità pubblica. Infine, tra le ONLUS riconosciute ne esistono tante che si dedicano a sostenere la ricerca contro alcune malattie, come il cancro.
Un esempio è l’AIRC, che si pone l’obiettivo di sostenere la ricerca scientifica e di promuove l’attività di informazione mediante i fondi raccolti.

Insomma, la scelta nell’elenco delle ONLUS per il 5 per mille è vastissima e ogni contribuente può scegliere in base alle proprie preferenze, alla propria sensibilità, alle proprie esperienze personali e alla propria visione del mondo, a quale delle fondazioni ritiene opportuno donare il 5 per mille. Destinare il proprio contributo 5 per mille alle associazioni ONLUS significa infatti condividere insieme a quell’organizzazione una determinata visione, provando a dare il proprio contributo per rendere il mondo un posto migliore, grazie all’azione di volontari che quotidianamente prestano il loro impegno per buone cause.

CONVIDERE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *