Modello 730 precompilato 2015

Anche quest’anno è giunto il momento di presentare la dichiarazione dei redditi 2015. Bisogna compilare il modello 730. Come tutti sappiamo bene, il modulo 730 è il modello che occorre per procedere con la dichiarazione dei redditi. Nello specifico esso è rivolto a tutti i lavoratori dipendenti e anche a tutti i pensionati. Queste categorie di lavoratori e di ex lavoratori (compresi tutti coloro che rientrano negli aventi diritto per la pensione) devono necessariamente provvedere alla compilazione e presentazione del modello 730 ogni anno. La presentazione del modello 730 consente di evitare che il contribuente debba provvedere a fare determinati calcoli, spesso particolarmente difficoltosi, delle somme che deve avere rimborsate oppure delle somme che deve versare.

In sostanza, grazie al modello 730, tutti coloro che devono ottenere il rimborso dell’imposta lo ricevono direttamente sulla busta paga oppure sulla rata della propria pensione a partire dal mese di luglio, di agosto o di settembre. La variazione del mese di partenza dipende dallo status del cittadino, ovvero se si tratta di un lavoratore oppure di un pensionato. Se, al contrario, il contribuente deve versare delle somme, esse verranno trattenute direttamente nella busta paga o nella pensione a partire sempre dagli stessi mesi (luglio, agosto o settembre) e dipendentemente dallo status del contribuente.

La novità di quest’anno è la presenza del modello 730 già completo, ovvero precompilato in tutte le sue parti che può essere visionato direttamente sul sito delle Agenzie delle Entrate. Per entrare nell’area riservata, nello specifico, nella sezione Fisconline, basta semplicemente utilizzare il Pin che viene fornito direttamente dall’Agenzia delle Entrate. In presenza del modello precompilato, l’Agenzia delle Entrate non procede con i controlli preventivi su ciò che spetta sulle eccedenze di imposta che, eventualmente verrebbero rimborsate. Al contrario, se viene presentato il modulo del 730 compilato dal contribuente, entro sei mesi dalla data di presentazione viene effettuato un controllo preventivo per accertarsi sulla correttezza dei dati e l’eventuale ammontare che dovrà essere rimborsato.

Ma vediamo adesso chi sono i contribuenti che possono presentare il modello 730. Prima di tutto deve essere considerato l’anno precedente all’anno in cui viene presentato il modello, quindi, nel caso specifico, viene considerato l’anno 2014. Coloro che sono tenuti a presentare il modello 730 sono quei contribuenti che, nell’anno 2014 hanno percepito guadagni legati a contratti di lavoro a progetto oppure redditi di lavoro dipendente, abbiano percepito redditi da terreni o da fabbricati e, inoltre, abbiano percepito redditi di lavoro autonomo.

In taluni casi, coloro che sono tenuti a presentare il modulo 730 potrebbero anche trovarsi nella necessità di presentare anche alcuni quadri del modello Unico Persone Fisiche, per esempio, dovranno presentare il quadro RM se:

  • hanno goduto di redditi provenienti dall’estero e ai quali non siano state applicate le ritenute d’imposta oppure se hanno ricevuto permi, interessi e titoli sui quali non sia stata applicata l’imposta sostitutiva e in altri casi particolari.
  • Lo stesso quadro RM dove essere presentato anche nel caso in cui dovesse essere rivalutato il valore di alcuni terreni di proprietà.

Un altro quadro che può essere presentato in aggiunta al 730 in alcune circostanze, è il quadro RT. Questo quadro può essere presentato da quei contribuenti che, nell’anno 2014 abbiano realizzato solamente delle minusvalenze provenienti da redditi di natura finanziaria.

Per avere delle delucidazioni più dettagliate sulla eventuale compilazione di più quadri, potete leggere le indicazioni direttamente sul sito delle Agenzie delle Entrate.

Infine, i quadri RM e RT, insieme al quadro RW (che va compilato nel caso in cui nell’anno 2014 fossero stati detenuti investimenti all’estero) vanno presentati contestualmente al frontespizio del modello Unico Persone fisiche dell’anno in corso, naturalmente rispettando i termini previsti.

CONVIDERE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *