IL VILLAGGIO DI ESTEBAN

9_logo vde OGGI

IL VILLAGGIO DI ESTEBAN

Per avere una idea chiara della storia e della identità della cooperativa Il Villaggio di Esteban, bisogna fare un piccolo passo indietro e parlare del PROGETTO IPOTENUSA; tale progetto è una associazione di secondo livello, nata nel 1999, dalla adesione di quattro realtà: – l’Associazione di volontariato L’IPOTENUSA; – la cooperativa sociale di modulo A IL VILLAGGIO DI ESTEBAN; – la cooperativa sociale di modulo B OLTRE IL GIARDINO; – la cooperativa sociale di modulo B NUOVA FRONTIERA. Come chiaramente si evince dalla ragione sociale, Oltre il Giardino e Nuova Frontiera si occupano di inserimento lavorativo di persone cosiddette svantaggiate, rispettivamente nel giardinaggio e nell’elaborazione-stampa grafica, mentre Il Villaggio di Esteban offre servizi alle persone; in particolare, gestisce sette case famiglie (per minori, per disabili, per pazienti psichici) ed un centro socio-educativo per disabili, all’interno delle cui attività collaborano diversi volontari dell’associazione L’Ipotenusa. Tutto nasce nel 1987 dalla formazione dell’associazione di Volontariato L’IPOTENUSA, la quale comincia le proprie attività attivando, in un quartiere disagiato di Salerno, il centro socio educativo per disabili TANGRAM; dopo i primi anni di attività, due membri dell’Associazione decidono di aprirsi all’accoglienza di ragazzi in difficoltà, creando la prima casa famiglia IL TAMBURO DI LATTA, essendo loro stessi le figure di riferimento educative, ma coinvolgendo buona parte dei volontari dell’Associazione nella vita della casa famiglia. Gli anni successivi ve-dono un ripetersi ciclico degli avvenimenti: ossia, i volontari impegnati al Tamburo di latta, lentamente cominciano ad acquisire consapevolezza e motivazioni adeguate affinché si potesse aprire una seconda casa famiglia, cosa che accade nel 1994 con PORTA DI MARE, i cui riferi-menti educativi sono appunto tre vecchi volontari del tamburo; tutto ciò si ripete poi con l’apertura nel 1996 della terza casa, GIONA E LA BALENA. Intanto, superata la fase di intervento educativo innovativo sul territorio, e rendendosi la compagine associativa più artico-lata e con un carico di responsabilità sempre maggiori, anche agli occhi degli interlocutori isti-tuzionali (comuni, tribunale per i minorenni,.), i tempi maturarono affinché si ragionasse sulla costituzione di una Cooperativa Sociale che potesse gestire le attività delle case famiglia. Nel febbraio 1997, pertanto, si costituisce appunto IL VILLAGGIO DI ESTEBAN, i cui soci fon-datori sono gli educatori delle tre case e del centro socio educativo, ed i quali assumono da subito lo status di socio lavoratore. L’ultima casa famiglia per minori, IL BOSCO DI BISTORCO, nasce nel febbraio 1998. Infine è il turno della casa famiglia per giovani adulti con disabilità mentale, IL DITO E LA LUNA, nel 1999, la quale realtà rappresenta l’ultima a nascere “per gemmazione” e con il coinvolgimento lavorativo di persone che già da tempo avevano esperienza di volontariato passata nell’Ipotenusa. Come si può vedere, parliamo sempre principalmente di Ipotenusa, perché per noi rappresenta il filo rosso conduttore da cui tutto è nato ed in cui ci si riconosce, pur essendo oramai tutto il carico gestionale sulle spalle del Villaggio di Esteban. Nel 1999, costituiamo il PROGETTO IPOTENUSA, per sottolineare come sotto i diversi nomi c’è una unica e sola traccia di inter-vento. Gli ultimi servizi attivati in questi anni sono le due case famiglia di ambito psichiatrico SI PUO’ FARE, febbraio 2001, ed ESCARGOT, settembre 2002 (in collaborazione con la ASL SA2). All’interno di Escargot, essendo in campagna in un casale a tre piani, è stato attivato un laboratorio agricolo ed un piccolo club gastronomico, gestito dalla cooperativa sociale Nuova Frontiera, in cui sono impegnati lavorativamente alcuni degli ospiti della casa famiglia psichiatrica Escargot e del Centro Socio Educativo Tangram.

  • Indirizzo: VIA MAURI 61
  • Città: SALERNO
  • Provincia: sa
  • Email: direzione@ilvillaggiodiesteban.it
  • Telefono: 089330330
  • Fax: 089330330
  • Sito web
CONVIDERE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

VALUTA L'ASSOCIAZIONE

(senza valutazione)
Loading...

CONTATTARE L'ASSOCIAZIONE

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

RAPORTI DI ERRORE

Il tuo nome (richiesto)

Segnalazione di un Problema (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio