Dichiarazione dei redditi 2022: novità

Dichiarazione dei redditi 2022

 

Le novità nella dichiarazione dei redditi 2022

Le date da appuntare sul calendario per quanto concerne la dichiarazione dei redditi sono il 30 giugno e il 30 novembre. Si tratta, rispettivamente, dell’ultimo giorno utile per le persone che scelgono di presentare in forma cartacea il 730 affidandosi a un ufficio postale, e dell’invio telematico. Quest’ultimo è effettuabile sia in modo diretto che servendosi di un intermediario abilitato, commercialisti in primis. Anche quest’anno sono presenti diverse novità, incluse detrazioni IRPEF 2022 e detrazioni fiscali.

 

Bonus, detrazioni IRPEF 2022 e non solo

Tra le novità più importanti rientra l’ulteriore detrazione riconosciuta ai lavoratori dipendenti, e compaiono:

  • gli adeguamenti del trattamento integrativo;
  • il Superbonus al 110%;
  • il bonus musica;
  • il credito d’imposta riservato agli under 36 per l’acquisto, con IVA, della prima casa.

Non manca il credito d’imposta per l’installazione di sistemi di filtraggio e quello su interventi volti a garantire un miglioramento qualitativo dell’acqua. Se quanto appena indicato fa riferimento al modello redditi persone fisiche, alcune novità interessano anche società di persone, società di capitali ed enti non commerciali. Viene data la possibilità, ad esempio, di dedurre più rapidamente il maggior valore assegnato ad attività immateriali.

 

Dichiarazione dei redditi 2022: i codici di riferimento

È il codice 45, all’interno del modello Redditi persone fisiche, a ospitare il “bonus musica“. La detrazione riguarda le spese sostenute per l’abbonamento e l’iscrizione annuale di persone di età compresa tra i 5 e i 18 anni a conservatori di musica e altri istituti. Al già citato credito d’imposta che si rivolge a chi ha scelto di acquistare la prima casa, fanno seguito il bonus mobili per i costi maturati nel 2021, e le detrazioni per spese veterinarie. Nel quadro CR, tra i crediti d’imposta compaiono i codici facenti riferimento alle spese di sanificazione cui sono andati incontro le strutture extra-alberghiere. Lo stesso quadro CR ospita i bonus riconosciuti a chi non ha potuto esimersi dal comprare dispositivi di protezione, e dotarsi di depuratori d’acqua.

 

Detrazioni fiscali 2022: la maggiorazione del 110% e i bonus edilizi

Integrati tra i quadri spettanti alle imprese sono il prospetto che consente di dare concretezza alla disciplina ACE (permettendo il calcolo dell’ACE innovativa), e le novità sulla cosiddetta “Patent box“. Quest’ultima prevede la maggiorazione fino a una percentuale del 110% per i costi sostenuti per la ricerca e il conseguente sviluppo di brevetti industriali. Oltre ai brevetti, la maggiorazione si estende ai costi per lo sviluppo di disegni, modelli e software, purché utilizzati nell’esercizio dell’attività. Aliquota agevolata del 110% confermata per gli altri interventi in tema di efficienza energetica in base a quanto stabilito dall’art. 14, D.L., n. 63/2013. Si aggiungono anche i bonus edilizi, nello specifico:

  • bonus ristrutturazione;
  • ecobonus;
  • bonus mobili;
  • bonus facciate;
  • bonus giardini.

Relativamente al periodo d’imposta 2021, nel calcolo delle detrazioni fiscali 2022 per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici (per cui è riconosciuto il bonus mobili), occorre tener conto dell’aggiornamento del limite di spesa, passato da 10.000 euro a una cifra di 16.000 euro.

DEVI FARE LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI?

SCARICA E STAMPA I FAC SIMILE DEI MODELLI FISCALI

Modello 730

Certificazione unica

Persone Fisiche

CONVIDERE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *